In occasione da Fest ‘i Fforne

0
239
di Tonino Esposito –
Ciao amici di Cala Felci mi rifaccio vivo di nuovo con una poesia di Franco De Luca che alcuni anni fa musicai, il titolo è “a nomme  i’  Ddio “. Quando le lessi rimasi    colpito da quella realtà che mio nonno Totonno Califano mia aveva raccontato quando ero giovanotto.I Ponzesi emigranti in Venezuela, in Argentina dove anche alcuni suoi parenti erano emigrati; il lungo e penoso viaggio, le sofferenze fisiche e morali, e quant’altro pativano nel lasciare Ponza, i parenti,gli amici e spesso le proprie famiglie. Succedeva cosi anche ai pescatori quando lasciavano Ponza proprio in questo periodo per andare in Sardegna, come diceva mio nonno, con la sua esperienza,sulle coste Tunisine, in Toscana e tanti altri posti che la gente di Ponza sa meglio di me.
In occasione della festa di S. Silverio alle Forna, festa istituita proprio per i pescatori Fornesi che appena dopo la festa lasciano l’isola ancora oggi come da tanti anni, per recarsi sui posti di lavoro lontano per poi ritornare alla fine dell’estate. A loro e a tutti dedico questa poesia del mio amico Franco De Luca che musicai e cantata alcuni anni fa e ai pescatori auguro buona fortuna, ricordando loro che “a mano ‘ i  Ddio” sta sempre sulla prora delle loro barche. Un caro saluto a tutti e buon viaggio. A te franco un abbraccio e saluti ai tuoi collaboratori. Ciao Tonino
Ecco il  testo e il brano musicato e cantato
                                A nomme  ‘ i  Ddio
          Diceveno i viecchie antichi primma i piglià a via:
          ” a nomme  ‘ i  Ddio “.
          E ghieveno sicuri ca pure ind’ u scuro
          a varca metteva a prora addò vuleva u core.
          A nomme  ‘ i  Ddio,
          e partevano pe gghi luntano
          a faticà fino a spellà i ‘mmane.
          O ieveno emigranti ncerca i furtuna
           c’a panza addiuna.
 Nu segno i croce nu sennuzzo ind’a voce,
 e parteveno c’a speranza
‘ i trovà nu poco i ‘ bbunnanza.
 Pericule, malatie, e na fatica chella che sia sia;
 chesto l’aspettava ind’ u viaggio c’accummenciava.
 A nomme ‘ i Ddio.
           Nu mumento sulo  ‘i  nustalgia
           e pò pronti a piglià a via:
           ” a nomme  ‘ i  Ddio “,
           ” a nomme  ‘ i  Ddio” .

Comments

comments