Le Poesie di Carmine: ‘U Bar du Chiattone

0
349

di Carmine Pagano – Eccovi una nuova bellissima poesia in dialetto di Carmine. Parla di un bar famoso almeno fino agli anni ’70 e noto atuuti gli over 50. Per quelli che  non sanno dove fosse il Bar a cui si riferisce l’autore della poesia, diciamo che si trattava del Bar Miramare del sig. Parisi Silverio detto Veruccio e  che era ubicato a S. Antonio , dove ora c’è Saperi e Sapori. Due foto della collezione di Giovanni Pacifico aiutano …

bar du chiattone

‘U Bar du Chiattone

Sera d’està.
A Sant’Antuono ‘u mare era na tavula argiento
sott’a luce i na luna splendente.
Dint’u bar du Chiattone, nun se jucava a carte chella sera,
stevene tutt’annanze a televisione.
Era ‘u vintune i luglio du sissantanove,
e pa primma vota l’omme sbarcava ‘ncopp’ a Luna.
Dall’Italia alluccavane “ha tuccato, ha tuccato!”
e d’America arrispunnevane “ancora no! mancano dui metre”.
A belle e buono trasette dint’u bar Peppino Vecchione, e
‘ mmiezzo a tutto stu schiamazzo
s’assettaje vicino a Zi Tatonno Chiurazzo.
All’ebboca Peppino, era nu bellu gione,
purtava i capilli luonghi ‘ncopp’i spalle,
era uno di primmi capelloni,
‘u viecchio su squadraje a capa a piede
e adoppo, mentre s’arritirava a casa,
scuntaje sott’u ruttone a Michelone.
“Bona sera Zì Tatò, v’arritirate?”
“Avite vist’a nuvità? Che ne penzate?”
“E figliu mio, ‘u munno se avutato sott’e ‘ncoppa,
mmo i figliole, invece i sta a casa a fa a cazetta,
vanno dint’i cafè a jucà a carte…”

u chiattone

Comments

comments

SHARE
Previous articleAddio Guido
Next articleA vista ‘i fanale