U vine cuotte di Monia

0
452

Il vino cotto secondo la tradizione ponzese serviva principalmente come accompagnamento alle zeppole nel periodo natalizio; più esattamente le zeppole venivano intinte nel vino cotto e poi mangiate.

             zeppole e vino cotto

 

Nel tempo l’uso del vino cotto si allarga e viene usato anche come vino da dessert, utilizzato per la preparazione di dolci, come i biscotti al vino cotto, oppure in cucina per insaporire carni ed altro.

Inoltre il vino cotto rappresentava  il segno dell’ospitalità e servito nelle grandi occasioni.

Il vino veniva usato anche come rimedio per alcuni malanni come ad esempio il raffreddore, gli eritemi dei bambini, per la pelle e  l’alito pesante. Veniva usato spesso come energetico per recuperare forza ed energia o per occasioni particolari. Ricordo che da bambino durante  l’estate mi fratturai una gamba. A settembre mi portarono a pigiare l’uva e poi mi massaggiavano la gamba col vino cotto . –  Il mosto e il vino cotto ti rinforzano la gamba – mi dicevano.

Il vino cotto è un vino dolce e forte, dal colore variabile dal rosso  al biondo nocciola, limpido e dal profumo fruttato, dal sapore in  equilibrio fra acidità e dolcezza, ha una gradazione alcolica che può arrivare fino ai 15°.

 

una fase della lavorazione

 

 

Purtroppo di vino cotto  a Ponza se ne fa sempre meno, anche se per fortuna ancora c’è chi tiene accesa la fiammella della tradizione-.

Una di queste fiammelle di tradizione ponzese del vino cotto la tiene accesa la mia amica Monia Sciarra  che il suo buonissimo vino cotto lo fa così:

Il vino cotto si ottiene dalla pigiatura e pressatura delle uve; il mosto viene messo in caldaie  e fatto bollire lentamente a  fuoco diretto per almeno 6-7 ore. Durante la cottura produce una schiuma che viene man mano eliminata, fino a ridurlo a 1/5 del suo volume iniziale. Dieci litri di mosto diventano due litri di vino cotto.

 

 

 

 

 

 

operazioni di filtraggio –                                la pentola a fine cottura

Una volta terminata la cottura, e raffreddato il vino si filtra e si imbottiglia in damigiane o bottiglie asciutte e pulite.

 

 

 

 

 

 

u scappucce….                              il vino nelle damigiane

FRANCO SCHIANO

Comments

comments

Disponibile il libro “Racconti del Porto

Ufficialmente disponibile il libro “Racconti del Porto”… con una donazione di 4€ potrai avere la tua copia!