A vista ‘i fanale

0
167

A vista ‘i fanale*

Primma o poi tutte quante
arrivamme ncoppa a luate
e nun sule ’a brava gente,
ma pe’ fortuna pure ‘ì fitiente
e nun ‘a scanzane manch’i putiente.

Nun è ch’aggio fatte ‘n’ invenzione
tutt’ è canusciuto fin da’creazione.
Ma, pure a nosta Amministrazione,
doppe cinq’anne, arriva ‘a stazione,
e primm’a gente pensa a successione

All’ata sera,‘na ventine ‘i persone
‘ncopp’ a parracina s’accucchiaiene
e accummenciaie na’ discussione,
’i quale fosse ‘a meglio soluzione
pe’ fà ’na nova amministrazione.

“Ce vo’ na bona squdra ‘i punzise
giuvene, chi scole, serie e precise.” –
alluccava ‘na purzione ‘i perzone.
“Macchè – strillava Pallacannone –
ce vò nu furastiere cu bastone.”

“Uagliù ca’ nun è questione
né ‘i perzone né ‘i bastone,
ca’ c’e vo’ a Programmazione!
Avvimme allungà ‘a stagione”-
‘a vasci’a parracina dicette Pellone.

“Si, si – accurdaie subbeto Robertone,
ch’aveva studiate a Pizzighettone –
ci vuole marketing, destagionalizzazione
insieme all’incaming e alla promozione.
Il turismo è l’unica risoluzione!”

“Allora è inutile cercà assessore,
oppure sinneche e cunsiegliere,
amma truvà sulamente nu direttore
che dirige st’albergo a tant ‘a ll’ore.”
– Senteziaie all’urdume, Zi’ Tore.

“Mittite n’annucio su internet
e turnamme a jucà a zicchinet,
finimmela e abbuffà u pallunett!”
Accussì Zi Tore concludett,
mentre s’abbuttunava ‘a vrachett.

fs

 

fsro madonna 

Comments

comments