Cronache dallo stracquo®. (9) Maddalena Barletta

0
213

di Rita Bosso – Fonte: http://www.ponzaracconta.it/2014/03/29/cronache-dallo-stracquo-9/

barletta1

 .

Queste foto, scattate domenica 23 marzo al museo di Ponza, ritraggono l’artista bolognese Maddalena Barletta mentre lavora alla realizzazione dell’opera “S-legami”: tre legnetti di stracquo e un fil di ferro sintetizzano la condanna dell’essere umano, oscillante tra necessità di solitudine e di relazione con l’altro.
Entrambi sono bisogni forti e, allo stesso tempo, stati di malessere; la solitudine è avvertita come prigione da cui si vorrebbe evadere ma, appena ingabbiati in una relazione, si sente la necessità di tornare a essere soli; tra questi due poli si scandisce l’esistenza, le richieste legami/slegami si succedono come le oscillazioni di un pendolo.

barletta2

“S-legami” – Maddalena Barletta all’opera; Ponza, marzo 2014

Lo sguardo viene catturato dai supporti fatti di tela compattata con collanti, su cui sono stesi strati di intonaco e, per ultimo, un velo di paraffina.
Su questi fondi l’artista appoggia, incide, talvolta dipinge; traccia segni che rimandano a luoghi e a epoche lontane come piccoli quadrupedi stilizzati, arche, caratteri della scrittura sumera, rune nordiche. Oppure srotola documenti di qualche secolo fa, svelandoli solo in parte, quasi con pudore, come a dire che scopo della sua arte è evocare, non illustrare o spiegare.
Antiche pergamene si srotolano, rivedono la luce dopo chissà quanto tempo ed appaiono infatti inondate di luce anche quando i colori sono spenti, come si addice ad una parete ingrigita dalla polvere, attaccata dalle muffe; rotoli che si allungano su altri rotoli, giacché la memoria, più che ‘a capa, è ‘na sfoglia ‘e cepolla… basta dare l’avvio e il processo di rievocazione non si ferma più…
Altre carte, avvolgendosi, assumono l’aspetto di ammoniti fossili; le stoffe si attorcigliano a formare ricchi turbanti, in tele che rimandano all’Africa attraverso pochi segni essenziali: la palma, il cammello stilizzato… L’identità, dicono i titoli di queste opere, può essere nascosta, oppure svelata, oppure rivelata, insomma suggerita, sussurrata, mai urlata.

M Barletta. Identita nascoste

022_Identita_nascoste_50x50_2004

Maddalena Barletta. Identità nascoste

M Barletta. Momenti_di_incontro_privi_di_relazioni_apparenti

Maddalena Barletta. Momenti di incontro privi di relazioni apparenti

Comments

comments