A burchiella e ‘u bastimente: una favola ponzese in versi

0
158

Quella che segue, se avrete la bontà e va pazienza di leggerla fino in fondo, vedrete che è una storia raccontata quasi come se fosse una favola scritta in lingua ponzese e in versi. Spero vi piaccia.

A BURCHIELLA E ‘U BASTIMENTE

Storia d’ammore e mare

1.

Dinte a nu puorte,

durante l’està.

‘i paricchie tiempe fà

nu viecchie bastimente

e na bùrchiella,

ardente e bella

se truvaiene affiancate

murate a murate.

 2

Forse fuie a brezza friccirarella

oppure nu poco ‘i risacchella

ma dint’ a nuttate ‘mpruvvisamente

s’annammuajene perdutamente.

Scoppaie‘a  scintilla

e facettene‘a marachella.

e fuie‘na stagione

tutt’i vase e passione.

 3

“Embhè! Se è chesta a nuvità

sta storia fernesce ccà.

Si amano? Si sposino!

e facessere pure nu sandulino!”

Intervenette don Peppone,

nu triglione chi baff’a turtiglione,

interrompendo ‘u cunto

du viecchie sareghe‘i puorto.

 4

“Nun’è comme dice don Peppone

che sta a situazione.

a burchiella e’u bastimento

tenevene n’impedimento.

Tutt’e duie tenene famiglie

cu marite mugliere e figlie”

-Rispunnette donna Rosa,

a raja petrosa chiù schiattosa. 

5

Ma nè a burchiella nè‘u bastimento

pensavano ‘i fa nu tradimento

tante ch’era forte ‘u sentimento.

Pe’ ciente miglie attuorne,

in ogni cala o canalone,

nun perdevene occasione

‘i fa mettere mettere scuorne

 tutta gente du cuntuorne.

6

Si amavano e si amarono

tutt’e vote che putevano

e mai se stancavano.

Sunnavene ‘i fuj in isole luntane.

Poi, sai com’è, oggi e dimane,

a partenza era sempe chiù luntane.

Ma nun perdevane mai a speranza

e jevene sempe in paranza.

7.

Pure chella vota,

venenne da Sardegna

cu nu carico ‘i legna,

‘i poppa aveva data vota.

Era quasi l’aurora,

Palmarola non se vedeva ancora.

‘U mare era liscio comme l’uoglie,

ma era ‘u cielo cupo e truglie.

8.

Solo allora ‘a vedette,

sott’a luce di saette,

‘a coda ‘i zefere!

Nera ‘ncazzata, ‘rossa e affamata,

cercava ‘a vittima predestinata.

Solo tanne s’a fosse appaciata.

S’avesse vista primme, pa’ spezzà,

‘u razione ‘i cule e palle, puteva pruvà.

9.

Ma era poch’arrassa

e troppo ‘rossa.

Ce pensaje pochi mumenti,

se raccumandaje a tutti i santi

e arrancaje tutta forza avanti!

Appena che v’entraje

‘a Bestia s’ arrestaje,

‘u viente calaje e ‘u mare se calmaje.

10.

L’alba schiaraje

e ‘ncielo ancora ‘na stella lucea.

Poco arrasse, comme niente fosse,

‘a burchiella quieta paperiava,

ancora nun sapeva addò se truvava.

‘A cimme ‘i prora netta struncata:

l’ha tagliaja isso, essa, oppure il fato?

Nisciuno questo l’ha mai appurato!

11.

Niente du bastimento s’è chiù saputo,

che facette a burchiella neppure ‘u saccie!

In tutt’i puorte pe’cchiù i cient’anne

‘sti fatti se vanne raccuntanne.

Po’ ‘i bastimiente so furnute

e ‘i chesta storia nun se chiù parlate.

C’è sta na cosa che me so scurdate.

Nun ‘u saccio se overo o so cazzate!

12.

Cchiù ‘i nu marenare va dicenne

che quann’na coda ‘i zefere esce

se vede nu bastimente

cu ‘n’albero spezzate

‘i murate sfunnate

‘i vele stracciate,

e se sente nu lamiento

comme se fosse chianto.

13.

Io ce voglio credere

pecchè so fesso ‘i core

credo che chist’è ammore!

Chesta storia d’ammore e mare

v’aggio vulute raccuntà

pecchè nun v’avite mai scurdà

che insieme mare e ammore

     sempe dinte u core hanna stà.

Ma poi,sai com’è, oggi e dimane,

a partenza era sempe chiù luntane.

Ma nun perdevane mai a speranza

e jevene sempe in paranza.

 14.

Pure chella vota,

venenne da Sardegna

cu nu carico ‘i legna,

‘i poppa aveva data vota.

Era quasi l’aurora,

Palmarola non se vedeva ancora.

‘U mare era liscio comme l’uoglie,

ma era ‘u cielo cupo e truglie.

15.

Solo allora a vedette,

sott’a luce di saette,

‘a coda ‘i zefere!

Nera incazzata, ‘rossa e affamata,

cercava a vittima predestinata.

Solo tanne si sarebbe appaciata.

S’avesse vista primme, pa’ spezzà

‘u razione ‘i cule e palle, puteva pruvà.

16.

Ma era poch’arrassa

e troppo ‘rossa.

Ce pensaje pochi istanti,

se raccumandaje a tutti i santi

e arrancaje tutta forza avanti!

Appena che v’entraje

‘a Bestia s’ arrestaje,

‘u viente calaje e ‘u mare se calmaje.

17.

L’alba schiaraje

e ‘ncielo ancora ‘na stella lucea.

Poco arrasse, comme niente fosse,

‘a burchiella quieta paperiava,

ancora nun sapeva addò se truvava.

‘A cimme ‘i prora netta struncata:

l’ha tagliaja isso, essa, oppure il fato?

Nisciuno questo l’ha mai appurato!

18.

Niente du bastimento s’è chiù saputo,

che facette a burchiella neppure ‘u saccie!

In tutt’i puorte pe’cchiù i cient’anne

‘sti fatti se vanne raccuntanne.

Po’ ‘i bastimiente so furnute

e ‘i chesta storia nun se chiù parlate.

C’è sta na cosa che me so scurdate.

Nun ‘u saccio se overo o so cazzate!

19.

Cchiù ‘i nu marenare va dicenne

che quann’na coda ‘i zefere esce

se vede nu bastimente

cu ‘n’albero spezzate

‘i murate sfunnate

e ‘i vele stracciate,

se sente nu lamiento

comme se fosse chianto.

20.

Io ce voglio credere

pecchè so fesso ‘i core

credo che chist’è ammore!

Chesta storia d’ammore e mare

v’aggio vulute raccuntà

pecchè nun v’avite mai scurdà

che insieme mare e ammore

   sempe dinte u core hanna stà.

Franco Schiano

 

Comments

comments

Disponibile il libro “Racconti del Porto

Ufficialmente disponibile il libro “Racconti del Porto”… con una donazione di 4€ potrai avere la tua copia!