‘A cammisa d’a nonna

0
323

 

‘Na vecchia cammisa d ‘a nonna mia

capitai, poche tiempe fà,

 

insieme a cierti panni nuovi,

 

dinto a’cesta d’a biancheria ‘a lavà.

 

 

Che surpresa e che paura

 

avette quanne, invece du lavature

 

cu’ l’acqua e cu’ sapone,

 

se vedette ‘nfilà int ‘a nu purtuse,

 

pe’ essa, ruoss’ comme ‘na casa.

 

 

Manco ‘o tiemp’e se ‘uardà attuorne,

 

che tutto le girava sott’ ‘e’ncoppa

 

e se sentette tutta frasturnata e ‘nfosa

 

cu’ ati panne azzeccate ‘n cuolle, “

 

 

Facette fatica ‘a puverella ,

 

nun puteva capi’ ch’era succiesso,

 

 

Essa pensava

 

a chelli mani d’oro che a strufinavano tutta,

 

all ‘addore du sapone,

 

e a chillu bellu bagno ca se faceva

 

d’int’ a tinozza pe’ se sciacqua.

 

 

Mo’ triste e ammappuciata,

 

dint ‘a ‘nu vortice m’brugliata

 

cunvinta ca ‘a fine d’ a jurnata

 

sarìa rìmasta tutta stracciata.

 

 

E, trovannese affianco

 

‘na manica i giàcchetta,

 

là dinto s’infilaie

 

e cchiu’ n’un ascette.

libera rielaborazione di Franco Schiano di un testo di Anna Mazzella Marciano

camicia della nonna

 

 

Comments

comments

Disponibile il libro “Racconti del Porto

Ufficialmente disponibile il libro “Racconti del Porto”… con una donazione di 4€ potrai avere la tua copia!