‘A ‘Ccademie da Crusc’ (2)

0
114

Primavera di Gennaro Mazzella (1916-1973) è una bellissima poesia in dialetto ponzese, scritta almeno 50anni fa.

Gennaro Mazzella conosciuto come Gennaro ‘a Posta, prematuramente scomparso a soli 57 anni. Uomo buono e altruista, poeta arguto e profondo, è stato una pietra miliare della cultura ponzese del ‘900, sicuramente uno dei primi – se non il primo – a scrivere in ponzese.

Nonostante il tempo trascorso e gli inevitabili inquinamenti, questo è il ponzese che sento ancora oggi parlare sull’isola, la stessa lingua dei pescatori, risciacquata nell’acqua salata del mare non in quella del torrente Sangone...o Sangon come lo chiamano da quelle parti.

Primavera
Nnu ffà chiù fridde, no mo ce sta’u sole
Ca ‘ntiepedisce ll’aria; e i vviole
Crescene e sbocciene e nce par’overe
Pecchè sentene ‘addor ‘e primmavere.

Comm’ogne pianta tene dint’ i vvene
na specie d’allegria e scorda i ppene
pure l’umanità cu stess ‘ardore
sente a sti tiempe, si, n’atu sapore.

L’unica differenza, se notate
è ca ‘u sapore nunn’ è misurate:
si ‘u sole ‘nfoca, a pianta se cummoglie;
l’umanità a stu punto se scummoglie.

Si mo ce stesse Adamo ed Eva io dico
crescesse meglio pure a piant’e fico.

Gennaro-Mazzella-2.OK_

Comments

comments