Alfredo Scotti, poeta

0
223

“Nemo profeta in patria sua” dice un noto adagio latino, che ben si adatta al nostro Alfredo. Poeta dialettale? Poeta in vernacolo? No!  Poeta in lingua napoletana  (penso sia la definizione più consona).

Sulla nostra isola Alfredo è conosciuto come un bravo tecnico, già direttore della Centrale Elettrica. Ma non molti sanno che ha partecipato e partecipa a numerosi concorsi, mietendo successi e raccogliendo premi in moltissimi casi nelle più varie località.

Partecipazioni e vittorie che gli fanno onore, ma che portano  anche lustro e notorietà al nome della nostra Ponza.

Ecco alcune delle sue poesie:

Nustalgia  napulitana.

Me né jeve cammennanne pè nù vico assàje antico

nà figliola s’avvicina e m’addùmanna

Signurì… ‘addò venite ? site furastiere ?

prontamente le risponne… tu che dice

io so nate int’a stu’ vico

tiempe belle… e quanne ancora sé parlava… ‘o napulitane antico

mò… me gira attuorno e nun trove e facce amiche

sulamente furastiere cù nà pelle scura ò nera.

Bella figliò… nù  mè fraintendere… io nù so razzista

ma songhe sulamente tradizionalista

siente a me… cà nà vota era ò vascio e donna Nannìna

mò cè stà nù filippino

addò cè steve donna Teresa

mò cè stanno trè cinese

‘a cantina e don Vicenzo mò cè sta nù scirlankese

cà te venne tutt’è còse… cà nun sò e chisto paese.

Figliola bella, chè né sai  tu e chistu vico ?

cà nà vota… se parlava… ò napulitane antico.

E putecare allùccavenee e devene  à voce… dè

patane dè friarielle e di tanta rrobba bèlle

mò sé parla sule inglese, cinese e  scirlankese.

 Commè vurrìa sentì ‘a voce e don Austine cà à stagione tè venneva

l’acqua ‘e mummèra e spighe allesse e appezzate ‘e figurine

chistù vico nun è chiù isso

addò stànne chèlli bancarelle noste ?

chella gente all’atu munno sé né jiuta …

e… cù stà… globalizzazione

 sé stà cagnianne pure ‘a pupulazione.

Bella figliò, sai cà te dico … napule  nu’  po’ cagnà

‘a lengua nosta è chesta cà… e nù po’ murì

bianche, gialli, russe ‘o nire

sempe ‘e napule nuje sìmme

e ‘o core nùoste stà cà

 dinte è prete e chistu vico antico.

Alfredo Scotti

********

‘O tiempe passa e nun te aspetta.

Che faje tu sule nè ?  Curre, zompa, vola !

Tiene vint’anne e mentre ce staje penzanne e’ gia` passato n’anno

 e nun to siente ‘ncopp ‘e spalle?

Va`,  curre, zompa, vola, 

 ‘O  tiempe passa e nun te aspetta !

Ma’ che faje… staje ancora `a sunna` cu ll`uocchie  apierte

 e nun te accuorge  ca si tu ‘o primme attore, ‘o  protagonista  da vita toja ?

Da che ‘o munno ‘e munno, ‘o  tiempo passa `storia, e ‘a storia `a fanno e’ protagoniste !

Tu,  invece, staje  sempe  arrete e quinte

e guarde `a  platea e `o palcoscenico

 e ogni tanto faje `a cumparsa

e  raramente ‘o primm’ attore.

Forse ‘e o’vere, ca ognuno e nuje tene nu destine,

pero`, fa` comme fa` a furmica

ca  pe` quanne `e peccerella,  pure se` fa` senti` si te da ‘nu muorze.

Haje  ragione, `a  chistu  munne  nun`ce’ sta` cchiu` ammore,

 umanita`,  ma  sule  guaje,  sofferenza e morte.

E allora… pienze pe` te,  nun essere triste si ancora giovane,

curre! zompa! vola!

Ma’ statte accorte, ca sta vita e` comme ‘a nù suonne

  e quanne  te scite, nun te accuorge  ca` si viecchie  e malandato,

 e` mo’… ca` vulisse  correre, zumpa` e  vula`,

 vide ca` `o tiempo  e` passato  e` nun  po cchiu` turna`.

                                                                    Alfredo  Scotti

tutti i diritti sono riservati all’autore

Comments

comments

Disponibile il libro “Racconti del Porto

Ufficialmente disponibile il libro “Racconti del Porto”… con una donazione di 4€ potrai avere la tua copia!