Carmine Pagano, un poeta ponzese

0
69

Alcuni anni fa Carmine Pagano diede alle stampe una raccolta di poesie in ponzese, intitolata SANGH’E RUTUNNE  chiedendomi di  presentarla. Lo feci così : “Sono lieto che Carmine Pagano si sia deciso a pubblicare e quindi condividere, questa raccolta di versi ponzesi. Nelle pagine che seguono c’è il  racconto  delle  emozioni, dei ricordi, delle nostalgie, ma anche non poco della storia di una Ponza di qualche anno fa.       Emozioni e ricordi, che lui ha catturato e trasformato in versi freschi e trasparenti come le acque della sua amata isola.  Parole d’amore, parole arcaiche quasi dimenticate, che fluiscono lievi come le note di antiche ballate popolari e vanno diritte al cuore.

Nei versi di Carmine si colgono le atmosfere che ho respirato da bambino. Mi è parso di sentire il profumo del pane nei fagioli con quale si faceva colazione, o addirittura il suono della chitarra di Benito mentre accompagna Silverio che canta in compagnia, davanti a un bicchiere di vino del Fieno.  Sono atmosfere, luoghi, persone,  che ho conosciuto e  che Carmine fa rivivere con una freschezza semplice, mai ingenua, e allo stesso tempo profonda.

Una lettura, che, tra una commozione ed un sorriso, ti prende per mano e ti accompagna in un viaggio nel tempo senza tempo di una Ponza fatata, oltre i faraglioni, le acque trasparenti e le scogliere dai fantasmagorici colori.”

franco schiano

Ecco una delle più belle poesie di quella raccolta, dedicata al papà Silverio:

Benito sunava a chitarra e Ninotto u mandulino….

 

Ninotto trasette int’u stanzone

c’a mappatella ‘n’mano e u fiasco i vino,

trasette cu nu poco e suggezione

ma era cuntento e fa chillu cammino.

U stanzone era bianco e chino e luce

i rimpette ce steva u fenestone,

e sotto vedette in controluce

a sagoma di doie o tre persone.

“Ueh ! Ninò tu si arrivate?”

“E’ fatto buono u viaggio, comm’ è ghiuta?”

Ninotto rispunnette “ Ben trovati!”

e abbracciaie a Silverio e po’ a Benito.

“Fratiè” dicette “sai, t’aggio purtato

na vranchetella i pisce e u fiasco i vino”

“primma e partì me songo aricurdate

che a paricchio che state ormaie ca n’coppo,

perciò i rutunne aggio miso int’a mappata

e aggio pensato…ci mangiammo adoppa”.

“V’aggio purtato pure u buttiglione,

è robba nosta, vene a vascio u Fieno…”

E accussi, senza che fosse sparsa voce,

con il bicchier mai vuoto e manco pieno,

sommessamente int’a chella pace

all’intrasatte s’arruvutai u stanzone.

Ad uno ad uno venner tutti gli ospitati

a festeggiar Ninotto che arrivava…

“Ueh! Giovì, Maurino, pure Mazzone,

che emozione avervi ritrovati,

u sapevo che prima o poi accadeva

che pure ca ce fossimo ‘mbriacati”.

“Piglia a chitarra, piglia u mandulino,

cantammo tutti insieme na canzone!”

E Benito sunava a chitarra

e Ninotto u mandulino…

e Silverio cantava a canzona…

“Dui viecchie prufessure e cuncertino….”

L’arcangelo Gabriele che sentiva

il gran baccano provenir di sotto

la spada sguainò e pieno d’ira

voleva far venire un quarantotto.

San Pietro u fermai n’coppo i scale

e le dicette con fare risoluto

“Gabriè che stai facenno sei impazzuto?”

“leva u spadone, posa artiglieria,

nun fa accussì, nun esser prevenuto,

è brava gente che canta in allegria”

“Oi Piè sono anime ribelli”

le rispunnette l’angelo infuriato

“Non portano rispetto al Divino,

li senti come intonano stornelli?

Se stanno facenno u buttiglione i vino

accumenciano mo e tira matina”

Ma c’hanno pigliato u Paraviso

p’a cantina?”

 

“Gabriè ma fusse sceme overamente?”

“Che male fanno anime genuine,

se vonno bene senza pensà a niente,

e nun’è peccato farsi u poco i vino”

E intanto Benito sunava a chitarra

e Ninotto u mandulino

e Silverio cantava a canzona…

“Dui viecchie prufessure e cuncertino…”

CARMINE PAGANO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Franco Schiano

 

A rondinella e u scarrafone

 

Comments

comments