Cunchiglia straquata : una poesia di Franco Schiano

0
147

 La poesia dice arapenne na vecchia scatula, in effetti questa mia rimata in dialetto, poesia mi sembra tropppo, l’ho trovata in una vecchia cartella ingiallita, insieme ad altre cose buone e meno buone quasi dimenticate. La cartella era talmente vecchia che conchiglia si diceva ancora còncola, come quando negli anni 50/60 ne prendevamo in quantità ncoppa o summariello a Sant’Antuono.

A me questa è sembrata carina, spero lo sia anche per voi.

CUNCHIGLIA STRACQUATA *

Arapenne na vecchia scatula

chiene i ricord’ e nustalgia

na cunchiglia aggio truvate

dinte a carta arravugliate

 

A truvaje ncoppa a na chiaja

a primma vote che t’aspettaje.

Sta cunghiglia steve sulagna,

comme a me senza cumpagna.

 

Io che nascette a miezze o mare

mai puteve immaginà

l’emozione esagerata

e quanne l’aggio ritruvata

 

Na conchiglia comme tante

ch’è truvate tutte quante

dall’onne accarezzate

ncopp ‘a marina stracquate

 

Arrevasti, parive na stella

ca luceva cchiù do sole.

Appaurato, io pensaje:

quase, quase me ne fuje

 

Troppe belle è sta guagliona

pe’ me che so nu scarrafone.

Ma pe’ fortuna rimanette,

e o paravise s’arapette

franco Schiano

* còncula  oppure quaquiglia sarebbe la grafia esatta in napoletano per l’italiano conchiglia

Comments

comments

Disponibile il libro “Racconti del Porto

Ufficialmente disponibile il libro “Racconti del Porto”… con una donazione di 4€ potrai avere la tua copia!