Il 27 giugno del ’57: Racconto in versi dello sbarco di Pisacane a Ponza

0
277

Il 27 giugno del 1857, verso le tre del pomeriggio, il bastimento a vapore Cagliari della compagnia di navigazione Rubattino di Genova, getta le ancore nella baja di Ponza. Pisacane con un gruppo di una ventina di uomini tra cui Nicotera e Falcone aveva preso, armi alla mano, il controllo del vapore diretto a Tunisi. L’aveva dirottato su Ponza, con l’intento di liberare i prigionieri politici che vi erano detenuti e poi insieme ad essi sbarcare sulla costa davanti a Sapri. (Pisacane non sapeva che a Ponza c’erano solo detenuti comuni, i politici invece stavano Ventotene). L’idea era d’innescare una sollevazione popolare  per abbattere la dinastia dei Borbone e realizzare quindi l’unità d’Italia. Le cose andarono diversamente e suoi sogni finirono tragicamente qualche giorno dopo lo sbarco a Sapri.

Una volta dato fondo alle ancore, il Cagliari inalbera una bandiera rossa, che secondo il codice della navigazione allora in vigore, segnalava di avere un’avaria alle macchine. Dalla banchina del porto si stacca pigramente, era l’ora del riposo pomeridiano, una lancia con quattro uomini del comando del porto che si porta sotto bordo del Cagliari per prestare il soccorso richiesto tramite la bandiera rossa. I quattro, tra cui il comandante del porto, vengono fatti immediatamente prigionieri e tenuti in ostaggio.

( Carlo Pisacane)

Successivamente gli uomini di Pisacane, guidati da Nicotera e Falcone, sbarcarono sull’isola e approfittando dell’ora della pennichella e del fatto che avevano degli ostaggi, in poco tempo presero il controllo della zona del porto.                                                                                 (Il Cagliari)

 

Ecco quello che accaddde a Ponza in quel caldo pomeriggio d’estate del 1857:

1

Voga, voga marenà

Voga, voga nun te fermà

            Primme che juone fà              

A Gaeta hamma arrivà

Voga, voga marenà 

Voga, voga no’ te stancà

2

O  mare è lisci’e belle

e o clielo chien’e stelle

ch’s’enfonnene dint’all’onne

quanno o rimme affonna.

A varca cammina

e Gaeta s’avvicina 

3

Otto guagliune

Co’ core e lione

portane ’ a varca

dinta a notte sulagna

‘Ngnazio ‘e cummanna

e Michele accompagna.

4

Voga, voga marinà,

voga ch’o Re hamma avvisà

C’a i 27 e giugno do’ cinquantasette

a Ponza dint’o puorte trasette

nu bastimente  a vapore

ch’aizzava na bannera a culore

pe’ dicere avariato tengo ‘o motore

aiutatemi se tenite buono core.

5

Erane ‘e tre, ora ‘e cuntrora,

se dorme a stagione  a chell’ora.

‘O pilota a buorde sagliette

e male facette

Carlo Pisacane a trad’memente

‘e manette ce mettette.

6

liberali e nemici de Borbone

pensava ncopp’all’isola truvà

invece ‘e cchiù fetiente ‘e l’uommene

se truvaje avè a cche ffà.

voga voga marinà

voga voga no’ te fermà

7

Pisacane è sbarcate

e a guerra c’ha purtate

tutti i delinquenti liberate

belve ‘e sangue ass’tate.

A Zi Prevete e o Magistrato

c’è vulevano taglià a capa. 

8.

Ma zi prevete furbacchione

se vestette ‘a vecchiona

Pure o giudice s’ascapputtaje

sotte e crune s’annascunnette

Chi putette se ne fujette

Si no na brutta fine facette. 

9

Sta chiorma e bestie

Senza  cchiù vreglie ,

‘llibberate, pe’ o paese se so sparpagliate

e carte do municipio hann’abbruciate

pure ‘e sorde ‘nda chiesa s’ann’arrubbate

paricchie femmene se so’ puzzuliate

10

voga ch’ambresse s’adda turnà

sti delinquent’ s’hanna fermà.

Co ‘mpustura e trad’mente

c’hanne fatte fesse overamente

hanno accise pure o tenente

ca s’opponeva curaggiosamente

11

A Cesare Balsamo ch’e’ vuleva fermà

na palla ‘nfronte nc’è putette mancà.

Nun se ferm’ne ‘nnanz’a niente

sta vrancate e’ gran fitiente.

ma don Giuseppe c’è riuscette

e a Santa Maria ‘e fermette.                                                  ten. BALSAMO

12

co’ bastoni forconi e scuppette

no battaglione furmette

e arrete ‘e caccette.

Voga, voga marenà

Voga, voga non te fermà

ch’ambresse hamma arrivà.

13

Otto giuvene

c’ o’ core ‘e lione

a Gaeta so’ arrivate

o’ Re hanne avvisate

 chiene e surdate ‘na curvette

subeto pe’ Ponza partette.

14

Abbastajene pochi mumente

c’appuluzzajne tutt’a rumente

ma Pisacane  primieramente

era partute po’ continente

 a Sapri fu combattente

ma fernette malamente.

15

Chesta è a storia originale

e quanne Carlo Pisacane

‘i 27 e giugno do’ cinquantasette

 dint’o puorte  ‘e  Ponza trasette

nun fuje na festa ‘e liberazione

ma sule morte e disperazione

 

 

 

 

 

 

 

 

Disponibile il libro “Racconti del Porto

Ufficialmente disponibile il libro “Racconti del Porto”… con una donazione di 4€ potrai avere la tua copia!