Il ponzese che ci piace scrivere

0
173

In questi giorni è in corso sul sito di Ponza Racconta una partecipata disputa su come si scrive il dialetto ponzese. Abbiamo già espresso il nostro punto di vista. Ci piace ribadirlo quì in modo simpatico, pubblicando una poesia in dialetto di Carmine Pagano.

Non a caso abbiamo scelto Sangue ‘i Rutunne proprio per avere un confronto palpabile  con Sang’ ’i Retunne, pseudnimo dell’autore di una seguita rubrica settimanale in ponzese su Ponza Racconta.

Tralasciando una possibile disquisizione tra Rutunne scritta con la U come fa Carmine, e Retunne scritto con la E come si usa sul sito già citato, preferiamo focalizzare l’attenzione sulla prima parola. Sangue è scritto in questo caso come l’italiano quindi c’è poco da dire. Forse si potrebbe scrivere Sanghe (considerando la fonetica ponzese) ma non Sang’ sia pure con segno dell’elisione o troncamento.

Mettiamoci nei panni di chi non conosce la lingua ponzese non potrebbe che leggere Sang (Esse a enne gi), mai potrebbe arrivare a capire che quella g’  si legge gh . In ponzese è sanghe.(così che si pronuncia nel nostro dialetto, con la e finale appena  accennata).

E’ appena il caso di ricordare che importanti autori di scritti in ponzese come Francesco De Luca ed Ernesto Prudente usano quasi sempre la vocale finale.

franco schiano

 
Sangue ‘i Rutunne

di Carmine Pagano

Forse è retorica,
forse ll’hanno ditto già,
ma ‘u voglio ddì pur’io
pecché chesta è ‘a verità.

Chi nasce a Ponza tene
‘na calamita che ll’attira,
gira pu’ munno pe’ ghi a faticà,
magari fa fortuna e fa ‘i denari,
ma ‘n’copp’u scoglio primma
o doppo adda turnà.

Sta calamita è ‘na nustalgia
ca se mette dint’u core.
‘Nu desiderio e rivedè ll’acqua du mare,
ll’addore de ginestre ‘a primmavera,
a voglia ‘i ‘na passiata a Pont’u Muolo,
saglì a Chiaia ‘i Luna primma che fa sera
pe’ ghi a vedè comme tramonta ‘u sole,
ll’aria ca s’appiccia ‘i russo e ‘i viola
e ‘nu riflesso d’oro a mmiezzo ‘u mare.

Simme fatte accussì, simme Punzisi,
tenimme sangue ‘i rutunne dint’i vene
sentimmo ‘u desiderio ‘i turnà a casa
comme sti pisci che ogni primmavera
tornano accà pe ‘ce fa felici.

 

Comments

comments