Isola mia sovrana

0
294

So mille e mille anne ch’u mare te fragne ‘ncuolle
e ‘ncoppe i scoglie che te stanne attuorne,
ch’u viente sesche ammiezze i cavuni e saglie pe’ pettate,
ch’a vote t’alliscia chiane e a vote cchiù ‘nncazzate
e pare che tutte avesse fernì ‘a nu mumente a’ nate.

                                                     Ma tu isola mia sovrana cà sempe stai

Te so’ passate tempurale e terremote,
cenere e lapille ‘a ciele so cchiuvute,
uommene disperate t’hanno abbelute,
sarracini e spagnuoli s’anna abbuffate,
pure ‘nglisi e giacubini cà se so’spassate.

                                                      Ma tu isola mia sovrana cà sempe stai

Se dice ch’a storia rutulèa sempe,
mo, l’aria è cupa, chiove a zzeffunne
e ‘ na cappa i chiumme t’arravoglia,
te vonne arrubbà lavoro e dignità
e i figli tuoi fore, vonne scaccià.

                                                    Ma tu isola mia sovrana cà sempe stai
                                                                                 Ancora chiù bella assai

mareggiata alla parata

Comments

comments

Disponibile il libro “Racconti del Porto

Ufficialmente disponibile il libro “Racconti del Porto”… con una donazione di 4€ potrai avere la tua copia!