M come… Macciotta

0
128

 

A Macciotta

ammagliata dint’a rezze,

è peggie i na scuppettate

Invece i nu bellu pesce,
a coppe u funne na preta aggie sarpate”

pensa u piscatore – mentre ca mazzola

a sfrantumma sana, sana.

Nun u sape che nu munno ha scarrupato,

era pitte quanno a pisca principiaje,

i c’ accapezzà nu tenette u tiempe

che nu piezzo du creato ha arruinato.

 


A macciotta

che a rezza pure fa dammagge,
quanno a galla a vide i assummà
tene n’andore che te fa inebrià,
È chiene ‘e limme,

che vita stà a significà.
Miliuni e miliuni ‘i purpitielle

che canali e canalielle,

nu paese hanne fraucato.
Po’ c’è passata a rezza,

e tutto s’è sfrantummato.


A macciotta,

si nun ‘a sfrantumme,
e ‘a iett a mare nata vota,
dinta a na casa,

ncopp a nu cummò,
a fa squarcessa ‘a può truvà,
e te po raccontà,

co’ le sue forme arcane,
ch’u mare

pe’ cìent’anne ‘a accummigliate,
mille storie stralunate.

 

 

A macciotta,

 

sempe na preta è,

 

u saccio,
ma è u specchio

 

dell’umanità.

Monia Sciarra

Franco Schiano

'A Macciotta

 

Comments

comments