‘O PECCATORE: una poesia di Afredo Scotti

0
35

Vi proponiamo ancora una bellissima poesia di Alfredo Scotti, uno dei nostri più bravi poeti, che continua a mietere successi e tenere alto il nome di Ponza nei vari concorsi letterari cui partecipa.

 

 

‘O PECCATORE

Nu juorno so trasuto dint’ a’ chiesa

Po funerale e nu cumpagno mije.

E primme ca me pigliasse l’eucarestie

me so’ mise a’ penza’, che fine avesse fatte l’anema mia.

Fra me e me, penzave… e si ‘O Pate Etrno

chillu juorno nun me perdunasse tutte e peccate

Che fine io avesse fatte ?

Allora, m’penziere a me… le dicette : Signore mije belle

si proprio nun m’avissa Perduna’  fa’ ca io te possa sta’ pure luntane

ma’  dint all’ombra toja e te possa servi in silenzio pe’ me guadagnà

O perdono tuojo.

O Signore, steve ausulianne ‘a preghiera mia,  e dinte e penziere me rispunnette :

Figlolo mio bello, perche mi vuoi servire nelle mia ombra nel regno dei cieli

Quando puoi fare le stesse cose sulla terra e guadagnarti di stare nella luce per l’eternità ?

A chiustu penziere me ne jette a casa co’ core felice penzanne ca niente è perduto e tutto s’arrimedia basta ca tu ce cride, perciò faje ‘o bene a vita te surride.

  ALFREDO SCOTTI

Comments

comments