Pa’ matina : una poesia di Carmine Pagano

0
46

Vi proponiamo un’altra bella poesia di Carmine Pagano, tratta dalla raccolta di versi in ponzese SANGH’ E RUTUNNE, pubblicata qualche anno fa.

Pa’ matina

 

Quanno mamma me scetava pe ghi a scola

chelle matine i vierno e tramuntana

a stanzulella era alluminata i sole

e a voce se senteva chiana, chiana.

Cu mico se scetava pure a famma

p’andora che veneva da cucina,

intravedevo a figura i mamma

che faceva i stesse cose ogni matina.

A zuppa i latte, u pane e pummadora,

pane cu burro…dicimme margarina,

chella matina però ero sicuro

steva spugnanno u pane int’i fasuli.

Ero sicuro d’andore che veneva

da pignata che vulleva ‘n coppo u fuoco,

vedevo a fella i pane che scenneva

dint’a l’acqua vullente a poco a poco.

Poi accumpareva nata vota a fora

appezzata ‘int’a furchetta che fummava,

tutta ‘mpurpata d’acqua e di sapore

nu filo d’uoglio e il pasto era servito.

E accussì mi preparavo ogni matina

ad affrontare i percorsi della vita.

 

 

CARMINE PAGANO

 

 

Comments

comments