Sang’i Rutunne e Lo Stracquo®

0
142

di Sang’i Rutunne –

Noi de “Lo Stracquo” non possiamo che essere onorati per  essere stati in qualche modo coinvolti dalla satira del nostro ormai famoso “Pasquino sottomarino” Sang’i Rutunne.  Tutto ciò che riguarda lo stracquo desta inevitabilmente il nostro interesse, per cui per noi è quasi  un obbligo pubblicare anche su questo sito la chiacchierata  dell’ ormai famoso del duo isolano.

 

 

Gigino – Aiutami a scenn’ ’stu cascettone.
Sang’ ’i retunne  – Eh chist’ pesa. Addo’ l’è purta’?

 

Gg – A pont’ a’ muntagna.
Sr – ’U falegnamm’ mò sta llà?

 

Gg – Ma qua’ falegnamm’? Devo creare…
Sr – Cosa devi creare, ‘nu fucarazz’? Accort’ che nun se po’ appeccia’.

 

Gg – E se, ’nu fucarazz’! io sono impegnato “nell’Arte”!
Sr –  Mò pure artista si’ addeventate? Ma cu’ ‘sta cascia vecchia cosa crei?

 

Gg – Mica sule cu’ ’sta cascia. Aggie svagantate tutt’a casa d’a nonna mia.
Sr – Azz’ …è ovère. È fatto piazza pulita! …E quanto t’è custato appulezza’?

 

Gg – Sule ’nu poche ’i fatica, ma l’Arte s’ammèrete questo ed altro… Io sono un volontario dell’Arte, sono pronto a sacrificarmi… per l’Arte.
Sr – Sì, sì, aggie capito… ma quale arte?

 

Gg – Come quale arte? Quella del mare. Io dò e lui poi restituisce in opere artistiche.
Sr – Madonna! …e quanta munnezza ’nd’i scogli! Ma l’è iettata tu? Mò aggio capito. È vuttato tutti i mobili viecchie ’a copp’a bascio. Che chiaveca che si’!

 

Gg – Uée, ma capisce sempre a modo tuie? Si dà al mare e lui restituisce nell’arte dello straquo.
Sr – Ma quale arte!? Tu iett’ a mmare chelle ca nun te serve cchiù, e truov’ ’a scusa dell’arte. Pensare che per un attimo mi ero illuso…

 

Gg – Si’ proprio ’nu ciuccie, non capisci l’arte, non capisci il mare e non capisci i ponzesi. Si ’nu verde ambientalista che peggio nun se po’.
Sr – È  ’a ’na settimana che abbasci’a marina stracqua di tutto e tu mi parli di arte? C’è bisogno di essere ambientalista pe’ capi’ che stai gnavecann’ ’u mare?

 

Gg – Ué scetate! A Ponza arriveranno artisti da tutto il mondo per realizzare la più grande esposizione dell’arte dello stracquo di monnezza… e tu te ne viene cu’ ’sti strunzate. Sei contro il progresso e contro l’arte!
Sr – Ma… tra gli scogli vedo anche cose che non galleggiano. Chell’ è ’na cucina, chiù ’a llà ce sta ’na tazz’i cess’, sott’ ccà ’na lavatrice. Gigi’ e’ fatto ’na discarica. Addò sta l’arte?

 

Gg – Ce sta, ce sta: quella è per i postumi.
Sr – I posteri..! Ma che ci faranno cu’ tutta ’sta munnezza?

 

Gg – Truvarranne ’i crastule e i chiuove, e ci faranno i musei! …Grazzie a me!
Sr – E’ mai possibile che riesci a girare per i cazzi tuoi ogni situazione? Sei irrecuperabile. Ma ti viene mai un dubbio su quello che combini?

 

Gg – A pensarci, ‘nu dubbio me fosse venute…
Sr – E meno male. Si può sapere che dubbio ti è venuto?

 

Gg – Ecco… Si i vott’ a’ vie ’e vascio ‘a cricca comunale tutta ‘mparanza, ’u mare ’i sputa subito ’nderra, oppure s’i lavora, facendone un’opera d’arte stracquata?

rutunno stracquato                                                                 Rutunno Stracquato (nel cerchio rosso)

Fonte : Ponza Racconta – http://www.ponzaracconta.it/2014/04/28/lo-stracquo/

Comments

comments