U cunto du Nonno

0
136

Una fiaba ponzese di Silverio Esposito –

 spiaggia s antonio

Durante la mia prima fanciullezza, in alcune occasioni, a mia madre Evelina capitava di dovermi parcheggiare dai nonni materni.
Nonno Totonno Califano, pescatore con relativo gozzo a remi e reti per vari tipi di pesca, non so se mi teneva volentieri, ma comunque mi teneva con lui e molte volte mi portava pure a pesca con mia grande soddisfazione.

Quando non si usciva a pesca e quindi non mi alzavo presto dal letto, mi chiamava per farmi fare qualcosa affinchè non stessi a fannullare.

Ricordo che uno dei suoi modi preferiti, per tenermi impegnato e nello stesso tempo lontano dai suoi attrezzi di cui era gelosissimo, era quello di prepararmi una polpara.

Mentre legava ben bene il rotunno al piombo della polpara immancabilmente ripeteva – “’u rutunn chiamma ‘i purpe e i purpesse.”

Finito l’armamento della lenza me la consegnava e mi diceva di andare lungo la banchina per pescare qualche polpo.

La cosa a volte riusciva, altre volte no. Anzi la maggior parte delle volte non prendevo niente.

“ ’U no’, ma che mi mandi a fa abbascia i banchine?… i purp nun’ ce stanno” – dicevo al nonno quando tornavo a mani vuote.
“Mo te dico nu cunto pe te fa capi’ ca un s’adda mpara a fa sempe coccosa, se no addivente nu ribusciato. – attaccava il nonno –  A Ponza ai tiempi du Re Burbone, ce steve nu giovane che si chiammava Franceschiello.

Franceschiello era nu sfaticato ‘i primma categoria, nun vuleva fa mai niente. Voleva truvà sulo ‘u piatto pronto ‘ngopp’a tavula e nu’ vuleva proprio fatica’. ’U patre suoio ci diceva i tutt mmanere : Franceschiè guarda cca si nun fatichi ca’ nun se mange.

Ma Franceschiello nun si’ faceva passa manca pa capa e continuva a nun fa niente.
Allora nu bello juorne  – continuava nonno Totonno -u patre, d’accordo ca mamma, nun ce facette chiu’ trouva’ u piatto pronto a tavola.”Porto anni 30

A questo punto il nonno faceva una pausa, probabilmente studiata e io, che avevo ascoltato in silenzio con attenzione, chiedevo: “ U no’ ma allora Francechiello comme faceva? Nun mangiava niente?”

E il nonno, che quella domanda stava aspettando, proseguiva il suo racconto: –

“Franceschiello, sfaticato comm’ era se n’ascette da casa e se jette a mette sotta a nu bell’albere i fichi. Cca vocc’ aperta, guardava i fiche e ripeteva: fica vieneme ‘mmocca… fica vieneme ‘mmocca.”

A questo punto il nonno faceva un’altra pausa proprio per provocare la mia domanda: “ U no’ ma allora Franceschiello aveva truvato u sistema i se fa veni a fica direttamente ‘mmocca?”

“ Purtroppo – continuava il nonno con una risatina amara –  Franceschiello e’ rimasto proprie ca vocc aperta, i fiche nun ce so cadute ‘mmocc e murette i famme.

E’ capito vuaglio?”

 
Questo racconto del nonno è stato per me fondamentale. Non l’ho mai dimenticato e negli anni ho fatto sempre il contrario di Franceschiello.

 

… a volte i racconti dei nonni ti mettono sulla strada giusta e ti fanno evitare un sacco di errori.

Auguro agli amici un buon 2015.

 

 

 Silverio Esposito

Comments

comments