‘U Faro

0
200

Ancora una poesia in dialetto di Carmine Pagano. Questa volta una metafora di una vita dissoluta :

‘U Faro
Mare furiuso int’a notte nera comm’a pece,
comme ‘na vita sciaurata.
‘A varca zompa ‘ncopp’i scale ‘i mare
che s’ammescano c’a notte.
‘I sbruffesse te segnano ‘a faccia
spersa a cercà ‘i vedè ‘na luce.
Da dint’u scuro dell’anima
esce ‘na speranza:
priesto nu faro t’ammostarrà ‘a rotta.
Marenaro avvinciuto e sturduto d’ammore
cumbàtte p’a sarvezza toja.
Arrivarrà ‘u calore dell’abbraccio ‘i mugliereta,
e a tenerezza d’i figli tuoje,
addò te putarràie scurdà, arripigliarte,
‘u saje c’a luce te purtarrà fore d’a tempesta,
int’all’acque calme d’a speranza.

Faro-della-Guardia-con-lampi-foto-di-Giancarlo-Giupponi

Comments

comments