A NUOTO NEI MARI DEL GLOBO

0
19

“Per autostima comunemente s’intende la capacità di avere un buon rapporto con se stessi, inteso come base per un buon rapporto con gli altri e col mondo.”

 

L’Autostima è l’elemento fondamentale della gioia di vivere, permette di accettarsi, di volersi bene, di voler bene agli altri e di ottenere i risultati che desideri.

L’Autostima è una capacità che può essere migliorata ( se sai come fare) nel corso della vita intera. Ecco perché è importante non rimandare ma cominciare fin da subito a cerare come fare.

Ti ritrovi da qualche parte sulla Terra, sei in mezzo a miliardi di altre persone, eppure
sei unico,
sei unica,
insostituibile.

Per poter essere te stesso fino in fondo e arricchire questo mondo con quello che hai da dare, devi pero’ possedere un livello di autostima sufficiente che ti permetta di esprimere tutto quello che hai dentro.

L’autostima è l’elemento fondamentale della gioia di vivere, permette di accettarsi, di volersi bene e di voler bene agli altri.

È una capacità che può essere perfezionata nel corso della vita intera.

Migliorare la tua autostima ti permette di contrastare uno dei più grandi freni che si pone l’essere umano: parliamo dell’autosabotaggio!!

Nella vita ci vuole molta forza di volontà!!!

 

Dopo questa introduzione penso che tutti capiscano subito il significato di “forza di volontà“: indubbiamente chi possiede una grande forza di volontà riesce facilmente ad autocontrollarsi e a forzare il proprio corpo e la propria psiche verso un obiettivo (che può essere il miglioramento della qualità della vita). Eppure è facile fare l’esempio di persone che hanno dato prova di una grande forza di volontà, ma che comunque restano incapaci di modificare alcuni loro difetti, a volte anche molto penalizzanti.

Oggi a Ponza abbiamo un esempio di Forza di Volontà che si chiama Salvatore Cimmini che ha affrontato la sua malattia a soli 15anni con grande coraggio, amputando la gamba a metà del femore, a 41 anni sotto consiglio del medico inizia a nuotare.

Nel 2006 per mettere un faro di luce sulle mancanze mediche/politiche sulla Disabilità e ricordare alla gente il problema delle barriere architettoniche, inizia la sua prima traversata Capri/Sorrento 22Km, poi negli anni successivi una serie di percorsi diventando un Esempio per tante Società Sportive.

Oggi, per aiutare la sua Associazione Italiana Sindrome di Pitt Hopkins presenterà la sua nuova impresa, alle ore 12:50 farà una conferenza all’hotel Le Querce a SantaMaria e stasera alle 22:00 supportato dalla guardia costiera farà Ponza – San Felice Circeo, ben 40km in mare aperto.

E’ importante che le famiglie ponzesi portino i loro figli a questa conferenza, farli partecipi a questo evento, ritengo che i ragazzi guardando e ascoltando quest’uomo coraggioso possono imparare più di mille nostre parole…Noi ci saremo…vi aspettiamo!!!

Comments

comments